Come creare un impianto audio per casa: Wireless vs Cablato

Facebooktwitterpinterestmail

Hai mai desiderato goderti la musica in tutta la casa senza dover fare compromessi sulla qualità del suono? Con l’avanzamento della tecnologia audio, ora è possibile creare un impianto per ascoltare la tua musica che soddisfi tutte le tue esigenze, sia che tu preferisca un sistema wireless multiroom o uno cablato a installazione fissa. In questo articolo, esploreremo le differenze tra i due, i pro e contro delle varie soluzioni e come puoi creare il miglior impianto audio per la tua casa.

Wireless: Flessibilità e Comodità

I sistemi audio wireless multiroom offrono un’esperienza senza fili che ti consente di ascoltare la tua musica preferita in qualsiasi stanza della casa collegando semplicemente la spina per la corrente e nessun altro cavo. Questi sistemi utilizzano la tecnologia Wi-Fi multiroom o Bluetooth per trasmettere il suono dai tuoi dispositivi audio direttamente agli altoparlanti wireless, diffusori smart o soundbar presenti in diverse stanze.

Un vantaggio chiave dei sistemi wireless è la flessibilità. Puoi posizionare gli altoparlanti ovunque tu voglia senza dover preoccuparti di collegamenti o cablaggi complicati. Inoltre, la maggior parte dei sistemi wireless sono controllabili tramite smartphone o tablet, consentendoti di gestire la musica in modo semplice e intuitivo.

Prodotti Wireless da Considerare

  • Diffusori wireless: sono altoparlanti che si collegano direttamente al tuo Wi-Fi domestico e possono essere posizionati ovunque nella casa.
  • Soundbar: ideali per la riproduzione della musica e l’esperienza home theater, le soundbar wireless offrono un suono potente in un unico dispositivo.
  • Diffusori smart: altoparlanti intelligenti come Amazon Echo o Google Home integrano la riproduzione musicale con funzioni di assistente vocale e domotica.
come creare un impianto audio per casa

Occorrente

  • Diffusori wireless: Ne esistono di svariati marchi e modelli sul mercato, dai più costosi ai più economici con una qualità sonora adeguata al prezzo.
  • Connessione Internet: La connessione internet è fondamentale sia per accedere ai servizi musicali di streaming, sia per gestire il sistema multiroom e gli speaker delle varie stanze o zone.
  • Alimentazione elettrica: I diffusori per funzionare necessitano semplicemente di una presa di corrente dove collegare la spina.

Esempio di applicazione: si utilizza uno speaker wi-fi per stanza, appoggiato su una scrivania o appeso al muro tramite apposita staffa, e una soundbar wi-fi per la TV da sfruttare come doppio utilizzo, per film e per musica. 

PRO: facilità d’installazione, semplicità d’uso

CONTRO: qualità sonora, impatto visivo, ingombro

Cablato: Qualità Audio Superiore

Se la qualità audio è la tua massima priorità, un sistema cablato potrebbe essere la scelta migliore. Con un sistema cablato a installazione fissa, il segnale audio viene trasmesso tramite cavi di rame, garantendo una riproduzione sonora più fedele e senza perdite.

I sistemi cablati sono particolarmente adatti per le stanze in cui vuoi ottenere il massimo della qualità audio, come la sala hi-fi o lo studio di registrazione domestico o semplicemente per non invadere visivamente l’ambiente con i diffusori sulla scrivania. In queste situazioni, i diffusori passivi e gli amplificatori possono offrire un suono cristallino e dettagliato che non può essere eguagliato da un sistema wireless.

Prodotti da installazione fissa da considerare

  • Diffusori passivi: offrono un suono di alta qualità grazie alla trasmissione diretta del segnale audio tramite cavi di rame.
  • Amplificatori: amplificatori di alta qualità offriranno una migliore qualità audio del tuo impianto cablato.
  • Cavi audio: scegli cavi di alta qualità per garantire una trasmissione del segnale senza perdite e una riproduzione sonora ottimale.
come creare un impianto audio per casa

Occorrente

  • Diffusori/casse passive: Anche qui ne esistono di diverse tipologie, di svariati marchi e prezzi. Per avere un impatto visivo praticamente nullo, ci si può orientare verso i diffusori da incasso a soffitto o parete di forma sia circolare che rettangolare/quadrata. 
  • Amplificatore: Gli amplificatori per installazione fissa di un impianto cablato sono leggermente diversi da quelli hi-fi, non tanto per la qualità audio che offrono ma per quanto riguarda l’impatto estetico. Di solito si sceglie una zona della casa “di servizio” (ripostiglio, angoli nascosti etc..) ma con un discreto accesso per avere la possibilità del controllo dell’amplificatore.
  • Sorgente: Da dove parte la tua musica. Esistono molte possibilità (lettore CD, giradischi, streaming, PC, etc.) e un impianto cablato ha la possibilità di utilizzarle tutte e sentire la musica in tutta casa utilizzando anche la TV.

Esempio di applicazione: Per quanti diffusori utilizzare nella stanza si considerano, per un’ottima presenza sonora, indicativamente dai 5 ai 10 watt per metro quadro, di conseguenza la potenza dell’amplificatore dovrà essere adeguata alla potenza totale dei diffusori utilizzati. 

PRO: qualità sonora, impatto visivo, ingombro

CONTRO: installazione adatta a professionisti del settore

Creare un ambiente ibrido: La Migliore Soluzione

Se desideri il meglio di entrambi i mondi, puoi combinare sistemi wireless e cablati per creare un impianto audio versatile e di alta qualità in tutta la casa. Ad esempio, potresti optare per un sistema cablato nella tua sala hi-fi principale per un’esperienza di ascolto ottimale, mentre utilizzi diffusori wireless in altre stanze per la massima flessibilità. O anche avere nelle varie stanze i diffusori passivi ma avere il controllo dei volumi indipendente e controllabile tramite applicazione wi-fi.

come creare un impianto audio per casa

Inoltre, molti produttori offrono soluzioni integrate che permettono di utilizzare sia dispositivi wireless che cablati all’interno dello stesso ecosistema audio. Queste soluzioni ti consentono di controllare e sincronizzare facilmente la musica in tutta la casa, indipendentemente dal tipo di sistema utilizzato.

PRO: qualità sonora, impatto visivo, ingombro, semplicità d’uso

CONTRO: installazione adatta a professionisti del settore, costo più elevato a causa dell’utilizzo di entrambi i prodotti. 

Conclusioni

Creare un impianto audio per la casa è diventato più accessibile e flessibile che mai grazie alla tecnologia wireless. Sia che tu preferisca la flessibilità dei sistemi wireless o la qualità audio superiore dei sistemi cablati, è possibile creare un’esperienza di ascolto perfetta in tutta la casa. Esplora le varie opzioni disponibili e scegli quella che meglio si adatta alle tue esigenze e al tuo budget. Se hai bisogno di consigli o aiuto sul progettare l’impianto perfetto per casa tua non esitare a contattarci

0